Il Ristorante Bosco dei Pini Neri è un ottimo punto di partenza per itinerari e comode passeggiate in montagna tra boschi e prati immersi nella natura e nel silenzio.

Le passeggiate ci portano anche nella storia, sui sentieri verso il corno Battisti, il rifugio lancia, o sui resti delle postazioni Italiane e Austriache della grande guerra, forte Pozzacchio, i cimiteri Austro Ungarici, ed altri siti di interesse storico.

Nei mesi invernali, con la neve, diventa un paradiso per appassionati e amanti delle escursioni che con appropriata attrezzatura, racchette da neve o sci d'alpinismo e zaino in spalla, trascorrono del tempo avvolti in un paesaggio tranquillo e lontano dal turismo invernale di massa.

Grande Guerra:


"Qualsiasi piatto ha un gusto migliore se lo si condisce con una storia" (Pellegrino Artusi)

La storia e i racconti della Grande Guerra sono protagonisti delle cene tematiche presso il ristorante Bosco dei Pini Neri di Pozza di Trambileno. Un pezzo di storia fortemente legato al territorio delle Valli del Leno e della Vallarsa. Una cena tematica , ai ricettari di quel tempo, antichi saperi nelle ricette con alimenti semplici e poveri. L' idea di dedicare una cena tematica, ci spiega Rita Cristoforetti chef del ristorante è illustrata nel corso della cena e nella documentazione a disposizione dei conviviali tra un piatto e l'altro in un contesto nuovo.

Sono cene tematiche, a gruppo su prenotazione.
Si racconterà la storia di Forte Pozzacchio o Valmorbia Werk, sito nel Comune di Trambileno che guarda dalla sommità la Valle . Un forte sottoterra, su tre livelli, dentro la montagna. Il forte è in fase di completamento restauro che dovrebbe concludersi in questi mesi, una struttura complessa e unica nel suo genere.

Si racconterà le Valli del Leno e Vallarsa, la Grande Guerra, il Pasubio, zone nevralgiche dal punto di vista strategico e difensivo. Un territorio, che da tranquilla terra di contadini, di silenzio e di natura incontaminata, divenne occupazione ed uno dei teatri più importanti della Grande Guerra, sia da parte dell'esercito Italiano, sia dell'esercito austroungarico, coinvolgendo di conseguenza le persone che ci vivevano.

Nei piatti, ricette di specialità tipiche del territorio, attinte da testi pubblicati tra il 1915 e immediatamente seguenti, ma riviste con fantasia, in un insieme di ingredienti che offre la natura, un viaggio tra i sapori delle Valli del Leno e della Vallarsa. Cultura, stagionalità, storia, tradizione coniugate al bisogno di quel tempo 1914 / 1918 e anni successivi, pietanze create in quegli anni aguzzando l'ingegno, con un utilizzo creativo delle risorse disponibili e prodotte dalla terra della Valle e dal baratto con le località vicine, cose buone di qualità anche in momenti di Guerra e difficili. Sapori e creatività di pietanze inventate con gli alimenti più comuni. Questa iniziativa vuole suscitare una riflessione e un contributo alla curiosità per la Grande Guerra, ad una conoscenza del vivere quotidiano di quel tempo e alla conoscenza delle Valli del Leno e della Vallarsa.

Foto Estate:

 

Foto Inverno:

 

Foto Natura:

 

Foto Sentieri:

 

Foto Mountain Bike:

 

Foto Storia: